COSÌ È IL MONDO

- Per la ricerca dei lavori pubblicati, vedere a destra in:
- Articoli recenti
- Archivi
- Categorie
- Calendario delle pubblicazioni (scorrere i mesi sotto la tabellina del calendario: le date delle pubblicazioni risulteranno evidenziate in colore, basterà cliccarci sopra!)
- Voce RSS (contiene l’elenco degli articoli)

Ringrazio quanti, da ogni parte del pianeta delle reti interconnesse, visitano questo sito a motivo dei loro interessi di studio o culturali nel senso più ampio, nonché tutti coloro che vorranno farmi conoscere le loro opinioni sui temi trattati, contribuendo in tal modo a tenere vivo e attivo questo blog, il cui scopo è di voler favorire la riflessione e il dibattito sui temi posti via via all’attenzione del pubblico più affezionato, tra amici, semplici curiosi, cultori e appassionati di specifiche discipline scientifiche ed umanistiche, associazioni culturali, studenti, agenzie di informazione e così via.
Ciro A. R. Abilitato

Tutti i lavori pubblicati sono già stati resi noti in forma più ampia e completa in altri ambiti e contesti, e sono protetti da copyright © per la tutela della paternità intellettuale degli stessi.

the author and curator of this site

Traduz. Ciro A. R. Abilitato

Naturalis Historia Libri XXXVII
Gaius Plinius Secundus – Plinius Senior
Liber VII
introductio

[1] Mundus et in eo terrae, gentes, maria, flumina insignia, insulae, urbes ad hunc modum se habent, animantium in eodem natura nullius prope partis contemplatione minore, si quidem omnia exsequi humana animus queat.
Principium iure tribuetur homini, cuius causa videtur cuncta alia genuisse natura, magna, saeva mercede contra tanta sua munera, ut non sit satis aestimare, parens melior homini an tristior noverca fuerit.
[2] Ante omnia unum animantium cunctorum alienis velat opibus. Ceteris varie tegimenta tribuit, testas, cortices, coria, spinas, villos, saetas, pilos, plumam, pinnas, squamas, vellera; truncos etiam arboresque cortice, interdum gemino, a frigoribus et calore tutata est: hominem tantum nudum et in nuda humo natali die abicit ad vagitus statim et ploratum, nullumque tot animalium aliud ad lacrimas, et has protinus vitae principio; at Hercule risus praecox ille et celerrimus ante XL diem nulli datur.
[3] Ab hoc lucis rudimento quae ne feras quidem inter nos genitas vincula excipiunt et omnium membrorum nexus; itaque feliciter natus iacet manibus pedibusque devinctis, flens animal ceteris imperaturum, et a suppliciis vitam auspicatur unam tantum ob culpam, qua natum est. Heu dementia ab his initiis existimantium ad superbiam se genitos!
[4] Prima roboris spes primumque temporis munus quadripedi similem facit. Quando homini incessus? Quando vox? Quando firmum cibis os? Quam diu palpitans vertex, summae inter cuncta animalia inbecillitatis iudicium! Iam morbi totque medicinae contra mala excogitatae, et hae quoque subinde novitatibus victae! Et cetera sentire naturam suam, alia pernicitatem usurpare, alia praepetes volatus, alia nare: hominem nihil scire, nihil sine doctrina, non fari, non ingredi, non vesci, breviterque non aliud naturae sponte quam flere! Itaque multi extitere qui non nasci optimum censerent aut quam ocissime aboleri.
[5] Uni animantium luctus est datus, uni luxuria et quidem innumerabilibus modis ac per singula membra, uni ambitio, uni avaritia, uni inmensa vivendi cupido, uni superstitio, uni sepulturae cura atque etiam post se de futuro. Nulli vita fragilior, nulli rerum omnium libido maior, nulli pavor confusior, nulli rabies acrior. Denique cetera animantia in suo genere probe degunt. Congregari videmus et stare contra dissimilia: leonum feritas inter se non dimicat, serpentium morsus non petit serpentes, ne maris quidem beluae ac pisces nisi in diversa genera saeviunt. At Hercule homini plurima ex homine sunt mala.

Storia Naturale – Libri XXXVII
Gaio Plinio Secondo – Plinio il Vecchio
Libro VII
introduzione

[1] Così come l’ho descritta si presenta la situazione del mondo, con le sue terre, le popolazioni, i mari, i fiumi importanti, le isole, le città. Ma degna di non minore considerazione in quasi tutti i suoi aspetti sarebbe la natura degli esseri viventi che lo popolano, ammesso pure che l’umana intelligenza sia in grado di comprenderne tutti gli aspetti.
Cominceremo a buon diritto dall’uomo, a motivo del quale sembra che la natura abbia generato tutto il resto, sebbene abbia preteso in cambio di così grandi doni un prezzo alto e crudele, fino al punto da rendere impossibile affermare con certezza se essa sia stata per l’uomo più una buona madre oppure una crudele matrigna.
[2] In primo luogo perché lo costringe, unico fra tutti i viventi, a procacciarsi all’esterno i suoi vestimenti. Agli altri la natura fornisce in vario modo qualcosa che li copra: gusci, cortecce, pelli, spine, peli, setole, piume, penne, squame, velli; anche i tronchi degli alberi protegge dal freddo e dal caldo con uno e talvolta due strati di corteccia. L’uomo soltanto essa getta nudo sulla nuda terra il giorno della sua nascita, abbandonandolo sin dal principio ai vagiti e al pianto e, come nessun altro fra i tanti esseri viventi, sin dal primo istante della propria esistenza, alle lacrime: il riso, invece, per Ercole, anche quando è precoce e più rapido che s’immagini, a nessuno è concesso prima del quarantesimo giorno.
[3] Subito dopo la sua venuta alla luce, l’uomo è come impedito da ceppi e da legami in tutte le membra, quali non si concepiscono neppure per le bestie generate in ambito domestico. Così, una volta che sia felicemente nato, giace piangente a terra con le mani e i piedi legati; così, proprio lui che si direbbe destinato a regnare su tutte le altre creature, inaugura la sua vita fra i tormenti, colpevole solo d’essere nato. Ahimé, che insensatezza, dopo siffati inizi, ritenersi destinati ad imprese superbe!
[4] Il primo barlume di vigore, il primo dono che il tempo gli concede lo rendono simile a un quadrupede. Quando comincerà a camminare e a parlare come un uomo? Quando la sua bocca sarà in grado di masticare il cibo? Quanto a lungo la sommità della sua testa resterà molle, segno questo della massima debolezza fra tutti gli esseri che vivono! E poi le malattie, e le tante medicine escogitate contro i mali, ma anche queste ben presto vinte da nuovi mali! E ogni altro essere esprime subito la propria natura: chi impara a correre velocemente, chi a volare con celerità, chi a nuotare. L’uomo invece non sa nulla, e nulla sa fare che non gli venga insegnato: non sa parlare, né camminare, né mangiare; per natura, insomma, null’altro sa fare che piangere! Perciò molti hanno ritenuto che la cosa migliore fosse non nascere, oppure al più presto morire.
[5] Solo all’uomo è stato dato, fra tutti gli esseri viventi, il pianto; a lui solo il piacere, che si manifesta in infiniti modi e nelle forme che sono proprie alle singole parti del corpo; solo a lui è stata data l’ambizione, l’avidità, uno smisurato desiderio di vivere, la superstizione, la preoccupazione della sepoltura e quella perfino di ciò che di lui sarà dopo la morte. Nessuno ha una vita più precaria, né maggiore brama di ogni cosa; nessuno è preda di angosce più disordinate, né di più violento furore. In definitiva, gli altri animali vivono bene tra i propri simili. Li vediamo aggregarsi e opporre resistenza contro specie diverse dalla loro; ma i leoni non sono spinti dalla loro ferocia a combattere contro altri leoni, il morso dei serpenti non minaccia gli altri serpenti, e neppure i mostri marini e i pesci incrudeliscono se non contro specie dissimili. All’uomo invece, per Ercole, la maggior parte dei mali è causata da un altro uomo.

32 risposte a COSÌ È IL MONDO

  1. Krakow scrive:

    You provided here quality post i must say. Nicely brought info in this article, I favour to go through this kind of articles. The standard of writing is first-class along with the result is excellent.

  2. Darin Garroutte scrive:

    Good day. I clearly want to place a nice swift note and also inform you learn that I’ve been pursuing your particular web page for quite some time. Keep up the very remarkable efforts and I’ll be returning back again yet again once again.

  3. Eric scrive:

    Basically interesting short article you’ve developed

  4. Charlene Reints scrive:

    This really answered my problem, thank you!

  5. propecia scrive:

    This message, is matchless))), it is interesting to me :)

  6. I like this scrive:

    Cool:) I would say say it exploded my brain..!

  7. Fletcher Krase scrive:

    I simply want to say I am just newbie to blogging and truly loved you’re web-site. More than likely I’m planning to bookmark your website . You amazingly come with terrific articles and reviews. Appreciate it for sharing with us your web-site.

  8. Shirely Hegel scrive:

    I do not even know how I ended up here, but I thought this post was good. I don’t know who you are but certainly you are going to a famous blogger if you aren’t already ;) Cheers!

  9. Donette Minty scrive:

    I really appreciate this post. I’ve been looking everywhere for this! Thank goodness I found it on Bing. You’ve made my day! Thank you again!

  10. Samuel Smerkar scrive:

    Great website! I am loving it!! Will come back again. I am taking your feeds also.

  11. Avery Guthridge scrive:

    Very interesting information!Perfect just what I was searching for!

  12. Pietrooo scrive:

    Well done webmaster, keep up good work, i will come back here soon

  13. white hat link pyramid scrive:

    Super writing

  14. Muriel scrive:

    Good day! I could have sworn I’ve been to your blog before but after browsing through many of the articles I realized it’s new to me.
    Anyhow, I’m definitely pleased I discovered it and I’ll be book-marking it and checking back often!

  15. Renate scrive:

    How interesting this post. It’s just what I wanted

  16. agencja interaktywna scrive:

    I like reading through a post that can make people think. Also, many thanks for allowing me to comment!

  17. konferencje Gdynia Mainella scrive:

    I see something truly special in this site.

  18. Steve Glumac scrive:

    Outstanding post however , I was wanting to know if you could write a litte more on this topic? I’d be very grateful if you could elaborate a little bit more. Bless you!|

  19. google plus application - test.com scrive:

    Very good website you have here but I was wondering if you knew
    of any message boards that cover the same topics talked about in this article?

    I’d really love to be a part of community where I can get feedback from other knowledgeable
    individuals that share the same interest. If you have any recommendations,
    please let me know. Thank you!

  20. Photochromic scrive:

    Thank you for another news article. Im really excited I was able to find this article, since so many of the blogs Ive been reading have misleading info.

  21. google.com scrive:

    Simply desire to say your article is as amazing. The clarity
    in your post is simply nice and i could assume you are an expert on this subject.

    Fine with your permission allow me to grab your feed to keep updated with forthcoming post.
    Thanks a million and please continue the enjoyable work.

    My webpage; google

  22. Ce est une benne à ordures scrive:

    Votre Article Est Très Bien ecrit, Très Semblable, Ce est une benne à ordures. Nous Réjouissons De Vos Meilleurs Articles!

  23. AMAZON scrive:

    I like the helpful information you provide in your articles.
    I’ll bookmark your blog and check again here frequently.
    I’m quite sure I will learn many new stuff right here!
    Good luck for the next!

  24. jordan 11 scrive:

    Hey there! I’ve been reading your site for some time now and finally got the bravery to go ahead and give you a shout out from Dallas Texas! Just wanted to say keep up the good job!

  25. Demetrius scrive:

    Aw, this was an extremely nice post. Spending some
    time and actual effort to generate a top notch article… but what can I
    say… I put things off a whole lot and don’t manage to get nearly anything done.

  26. instalasi genset scrive:

    Hi there to every one, the contents existing at this
    web page are awesome for people experience.
    Well, nice work.

  27. Jeffrey scrive:

    Excellent blog you have here but I was curious if you knew of
    any forums that cover the same ttopics discussed iin this article? I’d really like to be a part of online community where I can get opinions from other experfienced individuzls that share the same interest. If you have any suggestions, please let me know.
    Cheers!

  28. gene grice scrive:

    Excellent way of describing, and good article to take facts on the topic of
    my presentation focus, which i am going to deliver in university.

  29. Phoebe A. Hearst - Berkelehy.edu scrive:

    I’m amazed, I have to admit. Seldom do I encounter
    a blog that’s equall educative and entertaining, and let me tell you,
    you’ve hit the nail on the head. The problem is an issue thaat too few folks are speaking intelligently about.

    I am very happy that I found this in my hunt for something
    regarding this.

  30. chloe winchester scrive:

    magnificent submit, very informative. I wonder why the other experts of this sector don’t
    realize this. You should continue your writing. I am confident,
    you’ve a huge readers’ base already!

  31. Google scrive:

    We came across a cool site that you could possibly get pleasure from. Take a look in the event you want.

  32. bet365 Asia scrive:

    Hi there, I enjoy reading through your article. I like to write a little comment to support you.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>