In ricordo del poeta Giovanni Mazza – PROLOGO AL SECONDO LIBRO DELLE FAVOLE

GIOVANNI MAZZA − PROLOGO AL SECONDO LIBRO DELLE FAVOLE

Traduz. Ciro A. R. Abilitato

.

.

Giovanni Mazza (Torre del Greco, 30 aprile 1877 – Napoli, 12 Novembre 1943), è uno dei più interessanti poeti in lingua latina del Novecento, per cinque volte insignito della Magna Laus al Concorso Internazionale di Poesia Latina di Amsterdam, il Certamen Poeticum Hoeufftanum, istituito nel 1843 per volontà testamentaria dall’umanista olandese Jacob Hendrik Hoeufft (1756-1843). Il riconoscimento era assegnato annualmente da una giuria di esaminatori (iudicatores), i quali venivano scelti dall’Accademia Reale Olandese delle Scienze (Koninklijke Nederlandse Akademie van Wetenschappen). Il concorso, durato dal 1844 al 1978, ebbe tra i più noti partecipanti italiani il poeta Giovanni Pascoli, che fu insignito per 13 volte del primo premio e per 15 volte della Gran Lode. Il primo premio consisteva in una medaglia d’oro del peso di 250 grammi e nella pubblicazione dell’opera dell’autore a spese dell’Accademia, mentre il secondo premio prevedeva la pubblicazione a spese dell’Accademia dell’opera prescelta previo consenso dell’autore.

.

È intitolato a Giovanni Mazza, nella città di Torre del Greco, lo storico edificio della Scuola Elementare di via Vittorio Veneto, sede del I Circolo Didattico cittadino, sulla cui facciata campeggia la lapide che nel 1957 fu dettata dal professor Vincenzo Grillo, sacerdote, scrittore, dirigente scolatico e fondatore di scuole che poi egli stesso elevò al rango di istituti di istruzione statale. La lapide ricorda con queste semplici parole l’illustre e schivo poeta: “umile nella sua grandezza, grande nella sua umiltà”.

.

Leonardo Mazza (1883 - 1953) - Torre del Greco, Portosalvo, Spiaggia del Fronte, 1926

.

Secondo libro delle favole

PROLOGO

.

Con versi ornando le popolari novelle,

in mezzo alle inquietudini della vita uno svago io ritrovo,

e ai difetti e alle debolezze delle umane creature indulgendo,

delle vicissitudini del mondo, che da sé in rovina va, io mi rido.

Forse me soltanto le favole migliorano.

.

.

Fabularum liber alter

PROLOGUS

.

Ornans vulgares ego fabellas versibus,

invenio quoddam vitae curis otium,

hominumque indulgens vitiis et defectibus,

per se ruentis vicibus orbis rideo.

Forsitan et unum me fabellae corrigunt.

.

Frans Vervloet (1795 - 1872) - Torre del Greco, Litorale

.

.

Fabularum liber alter

LE PANTEGANE, IL GATTO MORTO E IL MERLO

.

Delle pantegane un gatto morto, al fine di seppellirlo, per la coda

trascinavano, e libere ormai dal tiranno, liete intonavano

una dolente litania, quando a un tratto, nel tirare, parve ad una

di esse che il defunto un piede avesse mosso. Tutte allora

nella tana spaventate fuggono. Ma ecco dalla sua gabbia

un merlo: «O tu, vile razza, nata sei per stare in schiavitù,

giacché i despoti da morti financo temi».

La libertà nega i suoi doni a coloro che ne sono indegni.

.

.

Fabularum liber alter

MURES, FELIS MORTUUS ET MERULA

.

Ad sepeliendum felem mures mortuum

cauda trahebant et, tyranno liberi,

iucundi maestam concinebant neniam,

pedem movere cum trahenti visus est

mortuus. Aufugiunt omnes sua trepidi in cava.

Tunc merula e cavea: «Quod times et mortuos

Tyrannos, vile, natum es servitio, genus!».

Denegat indignis sua libertas munera.

.

.

Fabularum liber alter

GLI AVVOLTOI, I LADRONI E IL VENTO

.

La preda si spartivano su di un olmo due avvoltoi,

e la refurtiva all’ombra dello stesso albero due briganti .

Allorché questa scena il vento vide, fra sé disse:

«A due a due, in su nel cielo e in sulla terra i più turpi si dan convegno».

.

.

Fabularum liber alter

VULTURES, LATRONES ET VENTUS

.

Duo dividebant praedam in ulmo vultures,

sub umbra praedam duo latrones arboris;

quos cum vidisset ventus, secum «Bini – ait –

in caelo coëunt et in terra pessimi».

.

Questa voce è stata pubblicata in Ciro A. R. Abilitato. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>